23 novembre 2014

John Hiatt - Mystic Pinball (2012)

di Silvano Bottaro

Sono trascorsi quasi quarant'anni dalla sua prima pubblicazione "Hangin' Around the Observatory" targata 1974, in mezzo ci sono vent'uno dischi, alcuni memorabili come Bring the Family del 1987 e il successivo Slow Turning del 1988, altri ottimi come Perfectly Good Guitar, Crossing Muddy Waters, Master of Disaster e The open Road, alcuni sufficienti, tra gli ultimi Same Old Man del 2008. Ora, dopo la sua ultima prova Dirty Jeans and Mudslide Hymns dell'anno scorso, disco che non ho avuto il piacere di ascoltare, ritorna con questo Mystic Pinball ed è ancora buona musica.
Hiatt è un grande scrittore, le sue canzoni ne sono la testimonianza. La sua peculiarità è proprio quella di adattare il suono, le note alle parole dei testi che tanto facilmente e soprattutto bene gli riescono. Detto questo è chiaro che la musica non diventa primaria nel suo modo di comporre. Ha il grande dono di saper creare personaggi, di saper risaltare le loro debolezze, la loro disperazione e occasionalmente i loro momenti felici, e tutto questo riesce a farlo con un senso dell'umor assai marcato. Le sue canzoni sono fatte di parole e immagini contornate da musica e anche questo suo ultimo lavoro ne è il chiaro esempio.
In Mystic Pinball, Hiatt esplora i temi della quotidianità affettiva come l'amore, il tradimento, la perdita e la felicità. Temi che per un sessant'enne (compiuti il venti agosto scorso) possono risultare forse "fuori tempo" ma è la sua anima "giovanile" ad avere il sopravvento e probabilmente anche quella che lo fa rigenerare di volta in volta.
Dodici i brani presenti con ballate, chitarre e pianoforte tra i marcatori dell'album. Un disco nel suo genere senza particolari rivelazioni, senza nessun azzardo. Forse qualcuno si aspettava qualcosa di più, forse l'uscita dei suoi album andrebbe un po' diradata, forse... va bene comunque.
I fans saranno contenti lo stesso, gli altri meno. (Valutazione: Buono)

0 commenti: